Schweizerische Eidgenossenschaft 1

formulari per la raccolta firme
0008-doc edit


Referendum popolare contro la non applicazione dell'articolo costituzionale 121a (immigrazione di massa)


Benvenuti sul nostro sito

Movimento dei Cittadini.CH

Appello ad una «opposizione democratica»!
(Qui potete approfondire di cosa si tratta)


È uno scandalo! Il nostro Parlamento va contro la Costituzione!
Le Camere federali hanno deciso lo scorso 16 dicembre 2016 di non applicare l'iniziativa accolta dal Popolo svizzero il 9 febbraio 2014 che chiede di tornare a gestire autonomamente l'immigrazione (la cosiddetta "Iniziativa contro l'immigrazione di massa"). Ciò costituisce una lesione della nostra Costituzione (articolo 121a).
Seguendo il principio secondo cui "il Parlamento sta sopra alla Costituzione" a Berna ci si è permessi di ignorare quanto deciso dal Popolo sovrano. Ciò è intollerabile per un Paese in cui vige la democrazia diretta!

La democrazia diretta è in serio pericolo!
La decisione irresponsabile e provocatoria del nostro Parlamento è un ulteriore pericoloso passo verso la delegittimazione della nostra democrazia diretta. "Quelli che siedono a Berna fanno comunque quello che vogliono". Questa frase testimonia il sentimento di moltissimi cittadini che hanno perso la fiducia nel Governo e nel Parlamento a causa di questa decisione scellerata. La nostra Costituzione viene di fatto scavalcata dai parlamentari federali, e purtroppo non si tratta della prima volta. Ciò può essere paragonato ad un colpo di stato! Vogliamo davvero diventare una repubblica delle banane? Certo che no! Mobilitatevi anche voi per impedire tutto ciò.

Così non va! Cittadine e cittadini: fate qualcosa di concreto!
Una fascia elitaria di funzionari strapagati che prendono decisioni a loro piacimento e trattano il Popolo da deficiente non è ciò di cui necessitiamo. Inoltre i parlamentari che non sono in grado di fare il loro lavoro rispettando il chiaro mandato ricevuto dal Popolo devono semplicemente dare le dimissioni e lasciare spazio a gente che rappresenta veramente le cittadine ed i cittadini svizzeri.

«Firmate invece di arrendervi!»
A differenza di altri Paesi non dobbiamo lasciare che la nostra indignazione rimanga confinata nei commenti sui blog e nelle lettere dei lettori. Abbiamo la fortuna di vivere in Svizzera: qui possiamo davvero muovere qualcosa in modo concreto senza dover stare a guardare.
Quindi: non indugiate e procedete a far firmare gli appositi formulari!


Questo referendum ha i seguenti obiettivi:
  • Ottenere il rispetto di quanto sancito nella Costituzione
  • Impedire la non applicazione dell'articolo costituzionale 121a diluito con delle ordinanze
  • Aprire la via ad una gestione dell'immigrazione in linea con quanto deciso dal Popolo
  • Permettere una votazione popolare che ripristini la democrazia diretta
 

Scaricate qui i formulari per la raccolta firme oppure ordinateli al seguente link !

Come probabilmente saprete non siamo l'unico comitato che ha deciso di lanciare il referendum contro la non applicazione del 9 febbraio. Alcuni comitati sono già operativi mentre altri probabilmente si aggiungeranno. Ciò non costituisce però alcun problema. Infatti al momento in cui le firme verranno consegnate alla Cancelleria federale (7 aprile) tutte le firme, indipendentemente da chi sono state raccolte, verranno contate insieme. Quindi il referendum sarà riuscito se il numero di firme valido sarà in totale pari o superiore a 50'000.


Senza speranze?
A sostegno del referendum non vi è nessuna grande organizzazione. Pure non godiamo il sostegno di nessun miliardario. Siamo un gruppo di semplici cittadini molto preoccupati.
Il nostro referendum è uno strumento per lanciare un segnale chiaro a Consiglio federale e Parlamento!

Le 50'000 firme però non si raccolgono da sole e quindi (se siete arrivati a leggere fino a qui...) abbiamo bisogno del vostro sostegno fattivo: raccogliendo attivamente le firme o sostenendo il referendum con un contributo.

Vi preghiamo di firmare subito se anche a voi sta a cuore il nostro Stato ed il mantenimento della democrazia diretta!

La ricetta nei confronti dell'Europa non deve essere quella di disdire gli accordi con Bruxelles ma semplicemente di «ignorarli» come fa ad esempio l'Italia con Schengen-Dublino.


U-Sammeln-APR-10
Willi Vollenweider, ing.dipl.ETH
Granconsigliere (indipendente)
Zugo